Perchè un blog?

Tags : blog facebook social network twitter

qualche anno fa ce ne avevo uno, ce l’avevamo tutti.

su live space, una merda di sito…

pagine e pagine riempite di gif glitterate e sbrilluccicose, 18 canzoni che partivano all’unisono e 400 video di youtube che caricavano ad ogni click.

facevi tempo a finire una settimana enigmistica prima di poter avere tutta la pagina caricata ma era bello così, eravamo bimbiminkia e quello era “il nostro blog”.

gionni666.spaces.live.com

il nostro spazio da riempire con foto, elenchi, video e stronzate varie.

tutti collegati con l’account di msn senza il quale eri tagliato fuori dal mondo, sembra ieri e invece era il 2007, cazzo son già passati 3 anni.

poi è arrivato facebook.

la fine di un’era e l’inizio di un’altra.

in pochi hanno conservato un blog, adesso ci sono i social network, facebook, twitter, myspace, netlog, badoo, linkedin, la lista è lunghissima…

li i messaggi sono brevi, sintetici, costretti in un limitato numero di caratteri a disposizione, come sms…

e sono come sms, vuoti, stupidi, privi di qualsiasi articolazione.

"minkia oh stasse c spakkiamo cm i draghi"

"xk m ai lasciato?"

questo è il genere di messaggi che girano…

e anche i più intelligenti, quelli che vogliono trasmettere qualcosa sono confinati in tot caratteri…

e la “cultura dei blog” si è un pò persa, specialmente nelle ultime generazioni…

"ma cosa ti apri un blog nel 2010?"

si, mi piace scrivere, sentire il rumore che fanno le mie dita sulla tastiera, la stessa tastiera che ha le lettere “wasd” consumate da ore e ore di gaming, la stessa tastiera che può diventare un’arma letale a seconda dei momenti, delle situazioni…

un post su un blog, un tweet, uno stato di facebook, un messaggio di msn, un thread su un forum, un messaggio su steam…

e scrivo.

forse “ne uccide più la penna che la spada” è superato…

con la tastiera si scrive più veloce…

SCRIVO più veloce…

e mi piace il fatto di poter lasciar vagare la mente e collegarla direttamente alle dita senza passare dal cervello… lasciar correre le dita sulla tastiera e veder cosa ne viene fuori…

uno “stream of consciousness” dgitale, diciamo…

e così ecco il perchè di un blog…

Comments !